Cadavere murato nel Milanese, un arresto a Riesi

1' di lettura 13/10/2020 - C'è un ulteriore presunto responsabile nella vicenda del cadavere trovato murato in una parete di una villa a Senago (Milano) nel gennaio del 2019: arrestato a Riesi un 45enne considerato appartenente alla locale famiglia mafiosa.

All'alba di martedì i carabinieri hanno eseguito a Riesi un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Monza a carico di Salvatore Tambè, di 45 anni. L'uomo era già agli arresti domiciliari con l'accusa di appartenere alla famiglia mafiosa di Riesi.

Secondo gli investigatori, Tambè sarebbe il responsabile dell'omicidio dell'albanese Astrit Lamaj, scomparso a 41 anni nel gennaio 2013 a Muggiò (Monza e Brianza) e ritrovato cadavere nel gennaio 2019 murato in una villa di Senago.

Per la vicenda, dietro alla quale si celerebbe una vendetta per questioni personali, sono già state individuate altre persone ritenute vicine alla criminalità organizzata siciliana. Sarebbe stato un collaboratore di giustizia a raccontare alla Dda di Caltanissetta l'omicidio dell'albanese e a fare il nome di Tambè.

___________________________________________
È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Telegram, cliccando nei link della tabella sotto e iscrivendosi GRATUITAMENTE.
Sono attivi anche i nostri canali social: Facebook e Twitter, per trovarli basta cliccare nei link della tabella sotto.

Città Telegram Social
Agrigento @vivereagrigento FB
Caltanissetta @viverecaltanissetta FB - Twitter
Catania @viverecatania FB - Twitter
Enna @vivereenna FB - Twitter
Messina @viveremessina FB - Twitter
Palermo @viverepalermo FB - Twitter
Ragusa @vivereragusa FB - Twitter
Siracusa @viveresiracusa FB - Twitter
Trapani @viveretrapani FB





Questo è un articolo pubblicato il 13-10-2020 alle 12:42 sul giornale del 14 ottobre 2020 - 183 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, redazione, mafia, articolo, riesi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/byux